fbpx
Alta Langa

Nel cuore delle Langhe si sviluppa per 37 km un appassionante viaggio i cui elementi principali sono il vino e i vigneti. È in queste fertili terre che si produce il Barolo, prodotto del quale tutti conoscono le lodi.

Il percorso parte dalla città di Barolo, attraversa le colline e abbraccia cantine produttrici e aziende agricole. Tra gli incontri da non perdere una visita all’imponente Castello Falletti, risalente al X secolo, oggi museo che documenta la cultura del vino Barolo, simbolo di questo territorio; quale luogo migliore per raccontare la storia, le tradizioni e l’economia di un prodotto affermatosi in tutto il mondo. Altro appuntamento imperdibile è la degustazione presso l’Enoteca Regionale del Barolo, fondata nel 1971, rappresentativa degli 11 comuni della zona di produzione.

L’itinerario prosegue poi per Roddino, un piccolo comune a 600 metri di altitudine dal quale si può godere di splendidi e incantevoli panorami. Suggestiva è la visita al Castello di Grinzane Cavour (patrimonio Unesco dal 2014) a 5 km da Alba, in cui hanno sede l’Enoteca Regionale Piemontese Cavour e un museo etnografico che esibisce rari oggetti dell’enogastronomia locale, una distilleria del ‘700, una cucina albese del ‘600 e dell’800 e contadinerie da cortile.

La strada del Barolo e vini di Alta Langa, venne inaugurata nel 2006 e unisce i comuni da Dogliani a Serralunga d’Alba per rendere omaggio al vino ambasciatore del Piemonte ed è un percorso imperdibile per gli appassionati di cultura enogastronomica e paesaggi mozzafiato.

Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.stradadelbarolo.it/territorio/itinerari/

Condividi: